il dito che indica la luna

Da qualche giorno nell’ambiente fotografico che conta gira voce di una innovazione che sconvolgerà il mondo della fotografia tutta, e della fotografia astronomica in particolare.
Noi di Fotografia Seria, che già qualche anno fa prefiguravamo una grossa svolta in questo senso agli avventori del web, stiamo per svelarvi di cosa si tratta, e non aspettatevi l’ultima diavoleria ingannafotografi tirata fuori da qualche consorzio mirrorless improvvisato: sareste completamente fuori strada.


Si tratta in effetti di vera innovazione, di quelle che potrebbero cambiare il nostro modo di fotgrafare. Siamo venuti in possesso di alcuni brevetti che sono stati presentati in gran segreto da un brand che letto così potrebbe non dir niente agli sprovveduti, ma nasconde il succo dell’innovazione tecnologica giapponese che conta; la ditta che ha presentato il progetto si chiama “ni-ca astro corp.” (dietro la quale si celano chiaramente i colossi che fanno capo al mondo della fotografia e dell’imaging) e il progetto riguarda il sogno di ogni astro fotografo e, perché no, anche di ogni fotografo professionista: la prima Fotocamera Ditale.

Non c’è ancora un nome ma di sicuro si tratta di disegni che sbalordiscono per chiarezza ed eleganza progettuale, oltre che per un distinto gusto estetico. Se questa produzione andrà in porto (e andrà in porto, fidatevi…) non ci sarà mirrorless che tenga, il mercato sarà completamente rivoluzionato.

Vista da vicino si nota subito che non si stiamo parlando dell’idea di un folle, ma di un vero progetto che sembra essere, per nostra gioia, anche ad un ottimo punto di avanzamento, se non quasi prossimo alla messa in produzione.

Lo spaccato non lascia dubbi, un progetto simile non si era mai visto dai tempi dell’invenzione del pentaprisma, e soffermandosi sulle indicazioni che accompagnano il progetto sembra addirittura che la soluzione scelta sia quella di un sensore doppio che risolve da una parte i problemi di scarsa illuminazione notturna, dall’altra quelli legati al rumore digitale di cui parlavamo qualche settimana fa.

Non ci resta che tenere le dita incrociate in attesa di poterle orientare verso i nostri astri preferiti!

Annunci

3 thoughts on “il dito che indica la luna

  1. Sembra incredibile ma le ripercussioni che questo articolo ha suscitato all’interno della blogsfera e del mondo dei fotografi che sanno usare internet è tale che la misteriosa casa ha dovuto fare subito delle precisazioni e aggiungere delle specifiche riguardo alla prima Fotocamera Ditale.

    AGGIORNAMENTI:
    1) In molti si sono chiesti se ci sarà la possibilità di cambiare ottica, la risposta è NO.
    2) Saranno messe però in vendita (per la nostra gioia) diverse versioni di questo ritrovato della tecnica, adattabili a ciascun dito della mano, ogni versione avrà una lunghezza focale diversa e personalizzabile dall’utente.
    3) Non è previsto nessun tipo di stabilizzatore allo stato attuale
    4) Il doppio sensore (che è probabilmente l’innovazione più grossa in questo campo) è già stato brevettato separatamente, sarà presto implementato anche nelle classiche reflex a telemetro e farà in un sol colpo diventare obsoleta la voce del menu riguardante gli ISO.
    5) Riguardo alle voci che girano su possibili versioni per visite endoscopiche si tratta di notizie FALSE e inventate ad arte da qualche burlone che probabilmente non ha altro da fare nella vita che ironizzare sul serio lavoro altrui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...